SEGUICI SU FACEBOOK:
@medicinaclassicacinese

Chi siamo

Sono un Ingegnere che nei ritagli di tempo continua a coltivare la passione per lo studio.

Non ho mai creduto nella dicotomia oriente e occidente e che qualcuno sia in possesso di verità assolute; credo nello scambio di opinioni inter culturali e inter disciplinari, credo a quello che diceva Jung ovvero che esistono dei simboli che appartengono a tutti i popoli e culture e che i cinesi antichi sono stati bravi a costituirne un sistema complesso e completo fondato sull’osservazione, sulla filosofia e sull’analogia, ma anche su ginnastiche, conoscenze astronomiche, matematiche, erboristiche, etc… che sono ancora oggi spunto e perno di numerose discipline.

L’amore per la conoscenza e lo studio di questo universo nasce nell’anno 1999, da allora ho conosciuto molte persone e luoghi e ho sviluppato un interesse crescente.

Nel 2010 ho intrapreso gli studi di medicina cinese diplomandomi come operatore Tuina alla scuola Xin Shu di Ostia.

Il mio percorso formativo si è arricchito con lo studio della fitoterapia costituzionale energetica e del Qi Gong. 

Nel 2016 sono stato curatore del libro “La Radice del Tao“, ortica editrice con la prefazione del prof. Carlo di Stanislao alla sua seconda edizione.

Tra il 2016 e 2017 ho conseguito un corso di specializzazione di 70 ore nelle tecniche complementari della medicina cinese (moxibustione, coppettazione, gua sha e martelletto) con il dott. R. Pulcri dell’ospedale di Pitigliano.

Nel 2017 ho conseguito un diploma per i trattamenti estetici olistici.

 

Sono socio professionista OTTO (Operatori Tuina Qigong e Tecniche Orientali) e mi occupo anche di formazione per le tematiche riguardanti la medicina cinese.

Il mio desiderio è quello di poter divulgare la medicina cinese in modo pratico ed essenziale.

 

Con gli articoli condivido la bellezza e la saggezza antica che trovo nelle mie letture.

Credo che gli uomini di un tempo avevano conoscenze profonde che possiamo ancora rendere moderne e di buon senso per la vita quotidiana.

 

“Il terapeuta deve coltivare le vie del cielo e della terra,

comprendere la dinamica dello spirito umano e

ponderare la profondità della Natura.

In questo modo potrà afferrare il Tao.”

 Su Wen nel cap. 75